LA GINNASTICA OLISTICA

Annunci

LA GINNASTICA PER LA TERZA ETA’

La ginnastica è per tutti e per tutte le età.

Oggi ci soffermiamo sull’importanza della ginnastica in quel periodo della vita dove anche svolgere le attività di ogni giorno diventa difficoltoso, per ragioni di poca mobilità articolare, di equilibrio e di scarsa capacità respiratoria. Consigliamo a tutti di frequentare corsi dove vengano approfonditi questi 3 seguenti punti chiave per aiutare ad affrontare una vita dinamica e sana e perché no, anche più sicura! Un corpo forte ed efficiente sarà sempre meno predisposto agli infortuni!

   Articolarità:   Ricordiamo che i movimenti dolci, ampi, effettuati in scarico, mantengono lubrificate le articolazioni, cioè stimolano la produzione di liquido sinoviale che sta alle articolazioni come l’olio lubrificante sta ad un apparato meccanico. Effettuare movimenti di questo tipo, anche tutti i giorni, è utilissimo in caso di artrosi, per bloccarne l’avanzamento.

   Equilibrio:   L’equilibrio è, come tutte le componenti motorie, una capacità che se non viene allenata nella vita, andrà sempre più a mancare. Da anziani ci si sente comunque insicuri e instabili, questo per una minore risposta muscolare generale, se aggiungiamo poi un reale deficit di equilibrio, il rischio di cadute o urti accidentali diventerà purtroppo alto. Alleniamo l’equilibrio ogni giorno! Basta tentare la stazione su un solo piede e rimanere almeno 10 secondi oppure rimanere eretti ad occhi chiusi senza troppi “tentennamenti”.

   Ginnastica respiratoria:   Con l’avanzare dell’età avviene una fisiologica perdita di acqua in tutti i tessuti, quindi anche nelle cartilagini, nei tendini, nei legamenti che avvolgono i capi ossei a formare le articolazioni. Anche la gabbia toracica è fatta da articolazioni sia anteriormente (coste e sterno) che posteriormente (coste e colonna vertebrale) e in generale, la sua possibilità di espansione è indispensabile alla respirazione, nell’atto dell’inspiro soprattutto, quando i polmoni vanno a riempirsi di ossigeno. Mantenere elastica e mobile questa struttura previene le patologie da insufficienza respiratoria.       Provate per esempio ad inspirare più aria che potete, poi cominciate lentamente a contare mentre espirate. Se arrivate e superate il numero 30, avete una normale capacità respiratoria, se non vi è possibile… è il momento di darsi da fare!

Dott.ssa Cinzia Benna, SuperSalute Centro Medico e Palestra.